La Storia e le Storie

Tanta la storia che è passata su Ponte Nativo, ‘Storia’ e ‘storie’ di gente comune o meno, che ha contribuito nei millenni a rendere questi luoghi quello che sono ora.
Ve ne racconto qualcuna.

A passo di carica.

A passo di carica.

Di Nonna Rosa forse avete letto qui. Era un incrocio tra una brezza di montagna che ti accarezza il volto e un kurgan sarmata al galoppo, un po’ come molte donne (meglio, ‘femmine’) che popolavano le vallate dell’entroterra ascolano tra Castellano e Fluvione, luoghi...

leggi tutto
“Lati che?”

“Lati che?”

Il ‘miracolo’ veniva raccontato normalmente nei periodi di festa, quando il vino cominciava a salire di quantità. Quel giorno non l’avrei tirata fuori la storia del latte di Cucca, c’avevo studiato sopra ma ero fisso sulle olive all’ascolana che erano arrivate a...

leggi tutto
Un Ponte per la Pace

Un Ponte per la Pace

Parlare di Pace di questi tempi è un po’ complesso o forse troppo semplice. Ad eccezione di qualche psicolabile, tutti vorremmo in un mondo tranquillo, dove i conflitti fossero gestiti in maniera civile. Il problema è il prezzo da pagare per avere quale tipo di pace....

leggi tutto
L’8 Settembre di Roccafluvione

L’8 Settembre di Roccafluvione

In Italia, l’8 settembre è una data che ancora si ricorda; e a ragione. È stato uno dei tanti momenti bui della Storia d’Italia, forse uno dei più terribili del secolo scorso. L’8 settembre 1943 finiva una guerra, quella contro gli Alleati, e ne iniziava un’altra,...

leggi tutto
Ci facciamo una partitella a Maccao?

Ci facciamo una partitella a Maccao?

Come sia finito questo foglio nelle carte di mio nonno, davvero non lo so.  Parla di una rivendita di vino, probabilmente un’osteria che si trovava in una frazione di Roccafluvione, Pedara, che ancora oggi esiste, e anzi conserva una stupenda chiesa fortezza  di cui...

leggi tutto
Curre, curre… Lù Macaròsce!

Curre, curre… Lù Macaròsce!

Vivace. Chi da molto piccolo combinava disastri  di tutti i colori, veniva definito vivace, perché carogna, delinquente, figlio di buona donna era  troppo per dei 'pezzi di cuore' e soprattutto poteva mettere in dubbio le capacità educative di madri e padri, oltre che...

leggi tutto
Eccitante quella cellula.

Eccitante quella cellula.

Sono dovuto andarmela a cercare per togliermi il dubbio che quei termini nascondessero qualcosa di scabroso. Vi risparmio la spiegazione, roba da cinefili ma comunque molto interessante. Per tagliare corto, la cellula eccitatrice era la responsabile del sonoro nelle...

leggi tutto
Era lui, Hans…

Era lui, Hans…

Nel post che trovate qui parlavo di Hans, un soldato romeno che faceva da interprete al comandante della Wehrmacht che nell’estate del 1944 aveva stabilito il proprio quartier generale nella Casa sul Ponte. Fino a poco fa, non sapevamo neanche se il suo vero nome...

leggi tutto
“Non è giusto!”

“Non è giusto!”

ii...allorché accertamento identità personale dei responsabili nonest possibile rimane ai comandanti il diritto et il dovere di estrarre a sorte tra tutti gli indiziati alcuni militari et punirli con la pena di morte. Non ho conosciuto 3 dei miei 4 nonni, i miei...

leggi tutto
Quella sassata di 106 anni fa.

Quella sassata di 106 anni fa.

Nella settimana tra il 7 e 14 giugno del 1914, Ancona fece da detonatore alla Settimana Rossa, uno dei momenti storici più importanti degli inizi del secolo scorso. Fu una settimana di sangue e di fuoco, la cui scintilla fu causata dall’uccisione da parte dei...

leggi tutto
“Quei poveri figli miei…”

“Quei poveri figli miei…”

Il passato che ci è stato raccontato, si sa, è pieno di episodi rimarchevoli, di sentimenti elevati e gesti nobili. Sentite allora questa storia. Il periodo storico non è troppo preciso e malgrado qualche ricerca non sono riuscito a trovare molto; siamo comunque tra...

leggi tutto
“Cercavate me?“

“Cercavate me?“

Mio zio ne aveva combinata un’altra delle sue, Cucca non si trovava più. Era rimasto un solo altro posto dove cercarla, ma nessuno s’azzardava neanche a pensare potesse essere là. Era come quando sapevi che era successo qualcosa che non doveva succedere ma te ne...

leggi tutto
Dopo di me, il diluvio.

Dopo di me, il diluvio.

Mio padre non sapeva bene che cosa fosse. Era piccolo  quando vedeva Pasqualina lavorare, andare avanti e dietro, salire e scendere per coste e balze, con tutta quella roba sulle spalle. Ma sapeva che era cattiva, molto cattiva, come può esserlo una vecchia ingrugnita...

leggi tutto
Il ponticello su cui è passata la Storia.

Il ponticello su cui è passata la Storia.

Nato più di 10.000 anni fa con il ritrarsi degli ultimi ghiacciai degli Appennini, Ponte Nativo è un piccolo ponte naturale, per millenni unico passaggio tra le sponde del  Fluvione che ha visto passare guardie e briganti, doganieri e soldati, santi e negromanti, come...

leggi tutto
La cripta di don Peppe.

La cripta di don Peppe.

Don Peppe Ciabattoni non era di queste parti ma forse proprio per questo si prese tanto a cuore la Chiesa di Santo Stefano. La Chiesa di Santo Stefano, rimane una testimonianza della ricchezza da cui queste zone furono ricoperte quando ricaddero sotto il controllo...

leggi tutto
La Chiesa-Fortezza nel bosco.

La Chiesa-Fortezza nel bosco.

La incontrate percorrendo la Provinciale 89 ad un chilometro circa dal bivio con la Provinciale 237, quella che va a Comunanza. Le indicazioni ci sono, ma ve le ritrovate addosso se l’andatura dell’auto è sostenuta. Sulla Chiesa e sulla torre, si è soffermato a lungo...

leggi tutto
Non di solo Spirito vive l’uomo…

Non di solo Spirito vive l’uomo…

La lotta intestina tra Osservanti e Spirituali (per capirci, quella tra francescani “moderati” e “estremisti”, la stessa che racconta Eco ne ‘Il Nome della Rosa’), da queste parti fu ancora più devastante che nel resto d’Italia. Un po’, perché agli inizi della...

leggi tutto
Buuuum, buum, bum!

Buuuum, buum, bum!

Sentirli chiamare “Mazzamurelli” fa un po’ ridere. Italianizzare le parole dialettali crea spesso dei veri obbrobri. Chi li ha sempre chiamati Mmazzamëriéllë pensa siano altro che quello che gli hanno insegnato, e cioè una specie di nanetto scattante e vestito a festa...

leggi tutto
Neanche il fuoco.

Neanche il fuoco.

A proposito di diavolerie. Mio padre raccontava spesso che un giorno d'estate di una settantina di anni, fa una coppia di vacche di un vicino di casa (su questi monti, non si usavano i buoi che erano rissosi ed impossibili da controllare) si bloccò col carico in mezzo...

leggi tutto
Di femmina in femmina.

Di femmina in femmina.

Fate, Sibille, streghe, fattucchiere, indovine. Tra questi monti non c’è una sola entità che abbia un qualche legame con il mondo metafisico, che non sia di sesso femminile.  Vabbè, direte, è il solito collegamento del mistero della vita che si genera nel grembo di...

leggi tutto
“Camerata, camerata, l’uncino!”

“Camerata, camerata, l’uncino!”

Che a mio nonno piacesse scherzare, anche pesantemente, era cosa risaputa. Aveva perfino fatto stampare delle cartoline in cui si era finto brigante - peraltro piuttosto ben curato e con abiti da signorino, piuttosto che da frequentatore di macchie - mentre due suoi...

leggi tutto
La Chiesetta sopra il Ponte

La Chiesetta sopra il Ponte

Non è facile rendersi conto dell'incastro creato dal Fluvione discendendo verso il Tronto. Ho provato a darvi un'idea con alcune riprese "artigianali". Cliccando qui a lato trovate il video: vedrete poi come il ponte non sia poi così piccolo.  

leggi tutto
Tana libera tutti!

Tana libera tutti!

"IL LETTO DEL FIVME SOTTO PONTE NATIVO NON È LUOGO IMMUNE. S. CONG. IMM. 1755”. La piccola lapide che si trova alla base dell’arco di sinistra, scendendo dalla provinciale 237, prima di passare sopra il Ponte, suona come una minaccia, e in effetti lo è. Basta leggere...

leggi tutto
Fate e piedi caprini.

Fate e piedi caprini.

C’è stato un periodo nella storia dei Monti Sibillini dove tutto è iniziato, una specie di spartiacque che ha diviso la leggenda dalla storia; questo periodo ha a che fare con uno dei protagonisti della nostra Europa e in genere del pensiero occidentale: San Francesco...

leggi tutto
Occhi azzurri e proteine.

Occhi azzurri e proteine.

A sinistra mia zia Rita che tiene per mano mia madre in versione 'mostrino'. La foto deve essere stata scattata proprio durante l'ultima guerra.Nei racconti che si facevano intorno alla tavola dei giorni di festa ce ne erano alcuni che ricorrevano spesso, specialmente...

leggi tutto
La Salaria Gallica passava di qua.

La Salaria Gallica passava di qua.

Fino al 1969, di sconosciuto c’era soltanto il nome. Nel senso che da tempo si immaginava che nell’Italia romana una qualche strada di una qualche rilevanza percorresse i piedi dell’Appennino marchigiano fino ai primi contrafforti dei Monti della Laga. Mancava il...

leggi tutto